Avvisi & Circolari

Decreto Sostegno per i lavoratori dello spettacolo

Indennità per i lavoratori dello spettacolo

Approvato dal Consiglio dei Ministri il “Decreto Sostegno”D.L. 41/2021 nel quale, all’art.10, è prevista una nuova indennità omnicomprensiva per i Lavoratori dello Spettacolo pari a 2.400,00€

Di seguito il testo pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 22/03/2021 (testo completo disponibile qui)


Al comma 1 si dice che Ai soggetti già beneficiari dell’indennità di cui all’articolo 15 e 15-bis, del decreto-legge 28 ottobre 2020,n.137, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 dicembre 2020, n.176, è erogata una tantum un’ulteriore indennità pari a 2.400 euro.”

al comma 6 poi si dice:

Art. 10 – Indennità per i lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali, dello spettacolo

6. Ai lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo con almeno trenta contributi giornalieri versati dal 1° gennaio 2019 alla data di entrata in vigore del presente decreto al medesimo Fondo, con un reddito riferito all anno 2019 non superiore a 75.000,00€, e non titolari di pensione né di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, diverso dal contratto intermittente di cui agli articoli 13, 14, 15, 17 e 18 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, senza corresponsione dell’indennità di disponibilità di cui all’articolo 16 del medesimo decreto, è riconosciuta un’indennità onnicomprensiva pari a 2.400,00€.

La medesima indennità è erogata anche ai lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo con almeno sette contributi giornalieri versati dal 1° gennaio 2019 alla data di entrata in vigore del presente decreto, con un reddito riferito all anno 2019 non superiore a 35.000,00€.

7. Le indennità di cui ai commi 1, 2, 3, 5 e 6 non sono tra loro cumulabili e sono invece cumulabili con l’assegno ordinario di invalidità di cui alla legge 12 giugno 1984, n. 222.

La domanda per le indennità di cui ai commi 2,3, 5 e 6 è presentata all’INPS entro il 30 aprile 2021 tramite modello di domanda predisposto dal medesimo Istituto e presentato secondo le modalità stabilite dallo stesso.

8. Le indennità di cui ai precedenti commi non concorrono alla formazione del reddito …


Specifichiamo che le indennità sopra descritte non sono tra loro cumulabili.

Quali lavoratori hanno diritto all’indennità di 2.400,00€?

– i lavoratori che hanno ricevuto l’indennità onnicomprensiva D.L. 137 “Decreto Ristori”.

– i lavoratori che abbiano svolto almeno 30 giornate lavorative con versamento contributivo al FPLS (INPS ex ENPALS) dal 1 gennaio 2019 fino al 23 marzo 2021 e che da tale attività derivi un reddito inferiore ai 75.000 euro.

Sono esclusi coloro ricevono una pensione o che hanno un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato (tranne intermittenti) .

– i lavoratori che abbiano svolto almeno 7 giornate lavorative con versamento contributivo al FPLS (INPS ex ENPALS) dal 1 gennaio 2019 fino al 23 marzo 2021 e che da tale attività derivi un reddito inferiore ai 35.000 euro.

In questo caso non sono previsti i limiti di cui sopra, ma è necessario attendere l’interpretazione data dall’INPS che nel caso del precedente Decreto Ristori (Quater) aveva dato interpretazione restrittiva applicando i medesimi casi di esclusione definiti nel punto precedente.

AGGIORNAMENTO:

Con Circolare_numero_65_del_19-04-2021 INPS ha stabilito che anche i lavoratori iscritti al FPLS con 7 contributi giornalieri non devono essere titolari di trattamento pensionistico (salvo pensione di invalidità) alla data del 23 marzo 2021 nè devono essere titolari alla data del 24 marzo 2021 di rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, diverso dal contratto intermittente.


Come ottenere i Ristori?

E’ necessario fare nuova domanda o i ristori arriveranno automaticamente?

Per chi ha già ricevuto il decreto Ristori sarà automatico.

Per gli altri, solo quando l’INPS ne darà comunicazione si saprà se sarà necessario rifare domanda o se, come noi crediamo, per chi ha già ricevuto le precedenti indennità sarà automatico e non dovrà far nulla.

Per adesso è necessario attendere che vengano svolti i seguenti passaggi legislativi e amministrativi:

1) Passaggio alle Camere per conversione in legge;
2) Recepimento da parte dell’INPS;
3) Circolare alle direzioni locali da parte della sede centrale INPS;

4) Parallelamente aggiornamento della modalità di richiesta da parte dell’INPS che darà quindi le istruzioni sulle modalità di richiesta.

Esibirsi soc.Coop. seguirà costantemente i vari passaggi e vi terremo costantemente informati sull’evoluzione.

33 Commenti

  1. Un ringraziamento speciale a tutto lo Staff di Esibirsi per tenerci costantemente aggiornati sull’evoluzione dei vari decreti e sulle varie modalità di richiesta ristori.
    I migliori, grazie!

  2. Caro Giuliano , grazie per il tuo lavoro in questo. Io purtroppo non ho percepito nulla in quanto vivo a casa con i miei genitori e quindi nell’Ise è compreso quello di mio padre pensionato. Povera me .. in tutti i sensi.. 😢

  3. Grazie mille Giuliano Biasin & Co, efficentissimi come sempre, vorrei una precisazione a riguardo questo Decreto Sostegno per i Lavoratori dello Spettacolo è compatibile con questo, “Bonus di Sostegno al reddito per i soci residenti in Lazio”

Lascia un commento

Back to top button