Marketing & PromozioneNews

Consigli su come vestirsi sul palco

Come evitare l'effetto "Arlecchino"

Palco pronto, musicisti preparati con migliaia di euro di strumentazione pronta all’uso, le americane si accendono, entra la band e…sembra di vedere l’armata brancaleone che si è vestita passando al centro della caritas a recuperare dei vestiti in disuso.

Da musicista di lungo corso capisco perfettamente che ciò che importa è la musica, ma non bisogna mai dimenticarsi che il pubblico è lì per vedere uno spettacolo.

Mi è capitato di imbattermi in piazze Italiane dove si tenevano concerti di Tribute Band dedicate ad artisti importanti e trovare cose sconcertanti come quella di vedere l’alter ego di David Gilmour accingersi a suonare uno dei famosi assoli della band ….con le infradito da spiaggia!

Oppure vedere sette elementi vestiti in maniera diversa uno dall’altro, totalmente opposta nello stile e con una gamma di colori pressoché infinita, al punto che non si capiva se stavo guardando un gruppo musicale o un gruppo folkloristico con tendeze fra il kitch e il trash.

Lo show, oggi, comprende tutta una serie di cose che non possono essere sottovalutate perché sono indispensabili alla buona riuscita

l’abbigliamento è, che ci si creda o meno, una parte importante di tutto questo.

Gli outfit delle band o degli artisti a cui vi ispirate non sono certo frutto della casualità, anzi tutto è studiato nei minimi particolari, dai cambi di abito dell’artista principale, a quello delle vocalist fino a quello dei singoli musicisti.

Ovviamente a questi livelli ci sono anche forti interessi economici, di pubblicità, promozione e merchandising che non riguardano la stragrande maggioranza dei musicisti amatoriali o semiprofessionali, ma resta il fatto che lo spettacolo ha regole importanti anche dal punto di vista della visualità, e pertanto c’è da tenerne conto.

E se non sei una Tribute band etc???

in tal caso l’outfit sarete voi a definirlo, e in questo caso ancora di più la cura dell’aspetto sarà rilevante, perchè dovra far identificare l’artista in modo ancopra più iconico e riconoscibile, per quanto possibile.


Come vestirsi per uno spettacolo musicale

Chiariamo subito che non esiste una regola valida per tutti, dato che ci sono una grandissima varietà di tipologia musicali, di Band e, di conseguenza location e pubblici di riferimento

Un buon riferimento di base potrebbe essere quello di capire cosa fanno gli artisti originali, quando questo è possibile, ma non necessariamente obbligatorio.

È chiaro che se parliamo di una band supergiovane e dissacrante, nessuno si presenterà in giacca e cravatta, ma è altresì chiaro che presentarsi in ciabatte per suonare i Pink Floyd è qualcosa che non ha molto senso.

Allo stesso modo non è detto che se si fa musica diciamo così un poco più impegnata o di qualità più alta si debba necessariamente essere sul palco in giacca e cravatta, ma ad esempio un semplice paio di jeans neri abbinati a una t-shirt sempre nera, ovvero cose che la stragrande maggioranza delle persone ha già nel proprio guardaroba, risolve quasi sempre brillantemente il problema.

Chiaramente se la formazione a un solista, questi sarà colui o colei si differenzieranno fortemente dal resto della band, magari, perché no, proponendo anche uno o più cambi di abito durante l’esibizione.

Quanto sopra non richiede alcun investimento, così non come non richiede di fare alcuna prova, ma di sicuro aumenta l’impatto visuale e di coordinamento dello spettacolo sul palco, attribuendo fin da subito un immagine più professionale a chi si esibisce.

Lascia un commento

Back to top button